• Stampa pagina
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard

Il mio albero magico

  pubblicata il 29/04/2018

Il progetto L'albero magico, dall'uso al riciclo: l'arte di arrangiarsi 2013-14, promosso dall’Assessorato ai rapporti con aziende speciali, programmazione eventi, da Ambiente Reale, e finalizzato alla sensibilizzazione della comunità boschese al riciclo dei rifiuti, conclude il percorso, organizzando una manifestazione tramite l'Ars Diapason  acps del Consiglio direttivo regionale Campania.

Tale chiusura sarà interamente dedicata ai bambini delle quarte e delle quinte della Primaria, che dovranno realizzare dei disegni, e ai ragazzi delle classi prime e seconde della Secondaria di I grado che si cimenteranno nella stesura di un elaborato.

Il tema da trattare sarà:Il mio albero magico!

I disegni e gli elaborati più belli, valutati da una Commissione in data 21 maggio 2018, saranno premiati durante la manifestazione che avrà luogo il 25 maggio 2018, nella sala teatro G.Vela dell'IC 3° Castaldi Rodari. Saranno corrisposte 3 borse di studio ad altrettanti studenti meritevoli, finalizzate al riconoscimento dell'impegno scolastico dello studente e quale sostegno alle famiglie per il successivo percorso di studi da intraprendere.

Gli alberi sono simboli della interconnessione della vita e rappresentano l'intreccio di tutto ciò di cui si alimenta la magia.

Fu proprio in occasione della Festa dell'Albero e sotto la spinta di una serie di esigenze, il cui obiettivo finale era quello di far prendere coscienza sull’importanza del rapporto Uomo - Natura - Salute - Ambiente – Territorio, che nacque il «Gruppo dei Paladini dal Pollice Verde»  dell'IC 3° Castaldi Rodari,  divenuto ufficialmente «Club» in memoria dell'attivista Ferdinando Servino, il 23 marzo scorso.

Sono Paladini dal pollice verde: alunni, docenti, genitori, amici e nonni volontari che interagiscono nell'ambito della scuola. Tra essi un patto di cittadinanza attiva: amare e difendere tutti gli esseri viventi; preservare le bellezze territoriali strappandole al degrado, offrire il proprio contributo e le proprie conoscenze nel settore; condividere attraverso vari canali, compreso il social network, esperienze e attività di formazione in ambito scolastico ed extra.

Insieme agli alunni si entrerà in contatto con lo spirito della natura per accrescere l'energia spirituale in grado di cogliere la grandezza dell'assoluto.

 La persistenza dei riti arborei è legata al concetto di fertilità sia dell’uomo che dei campi e mira, secondo gli antropologi, a portare nel proprio paese e nella propria casa lo spirito fecondatore della natura; rappresenta quindi l’idea di rigenerazione collettiva mediante la partecipazione della comunità alla rinascita della vegetazione.
Questo tema affonda le sue radici in antichi riti pagani,tipici del mondo contadino di molti paesi del bacino del Mediterraneo.

Era consuetudine praticare dei rituali arborei, sedendosi alla base del tronco per esprimere un desiderio di vita da incidere su una foglia, mediante un bastoncino con la punta carbonizzata, e con cui girare 9 volte attorno all'albero pronunciando la formula magica che, idealmente, reciteremo per la nostra comunità locale:

«O tu antico quanto antico è il mondo,
Più antico di ogni cosa esistente,
dammi il potere a tuo comando
di realizzare un incantesimo potente».

Carmela Casinelli

 

Galleria immagini  

immagine

Trasparenza ed Accessibilità



Scorciatoie



Link utili

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor

Immagine sponsor


Calendario

Maggio 2018               <<   <    >  >>  
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031